Regione Lombardia

Oltre ai Palazzi

Ultima modifica 12 dicembre 2017

Sono ampi cascinali che presentano verso la strada principale l'abitazione e le vecchie stalle, ora dismesse, con i relativi fienili e, verso la seriola, le barchesse usate per deposito attrezzi e per allevamento ad uso familiare. Alcuni palazzi hanno cornicioni ornati da una successione di beccatelli, ripresi dagli antichi castelli medievali e riproposti spesso nei palazzi del XV e XVI secolo. Ad est "nella chiesa parrocchiale si trova il campanile progettato sempre dal Tombola; "
di fronte vi è un ampio sagrato che ospita ai lati due piccoli giardini. A "mattina della chiesa, agli inizi degli anni '90, è stato interamente demolito un antico cascinale a corte lombarda e sono stati ricostruiti, con un piano di recupero urbanistico, due corpi di fabbrica a tre piani con destinazione sia residenziale che commerciale: l'edificio è denominato Palazzo degli Archi; per la composizione ad archi del porticato continuo al piano terra; di fronte a questo, dove si stendeva l'aia, è stato ricavato un ampio piazzale.
All'incrocio tra via Disciplina e via Cesare Battisti è situata una chiesa sussidiaria del secolo XV in mattoni a vista, dedicata a S. Rocco e S. Lorenzo.